Giardiniera

Giardiniera emiliana

Giardiniera

Tempo 100x100Durata: 45 min                            

mattarelloDifficoltà: facile

 Origine: Interregionale

 La giardiniera è un preparazione tipica dell’Emilia, adatta per avere delle verdure croccanti per accompagnare come contorno, o “salsa” molti piatti tipici della tradizione emiliana, tra cui il lesso. Con la sua nota agrodolce, i forti colori, la giardiniera si presta bene a tavola per dare sapore, croccantezza e soprattutto una nota di acidità a piatti che altrimenti risulterebbero troppo grassi, poco colorati e monotoni. Inoltre la giardiniera è da sempre stato un ottimo modo per conservare sotto vetro e sotto aceto le verdure saporite del periodo estivo e consumarle via via durante il periodo invernale. La ricetta qui presentata non è finalizzata alla conservazione per lunghi periodi (richiederebbe maggior quantità di aceto) mentre gioca di più su un aspetto agrodolce e sul conservare di più gli aromi delle verdure utilizzate.

Ingredienti

Dosi per 4 persone:

(la proporzione è 2 litri di acqua, una manciata abbondante di sale, mezzo bicchiere di aceto di mele, 1 cucchiaio di aceto di vino)
q.b. di olio extra vergine d’oliva

Cipolla rossa di tropea1
Peperone rosso1
Peperone giallo1
Sedano2 coste
Carote2
Zucca100g
Cipollotti bianchi freschi5
Aceto di mele (o di vino bianco)1 spicchio
Zucchero1 cucchiaio
Olio extravergine di olivaq.b.
Saleq.b

Procedimento

Prendete tutti gli ortaggi lavateli e mondateli per bene. Prendete i peperoni e dopo aver rimosso gambo e semi, tagliate la polpa a pezzi piccoli. Per quanto riguarda la carota, sbucciatela e poi tagliatela in modo da ottenere dei tocchetti (se grosse rimuovete la parte centrale) di circa 3-4 cm di lunghezza. Per quanto riguarda le coste di sedano, eliminate i fili grattando con il coltello il dorso della costa di sedano e poi suddividetelo a tocchetti di un paio di centimetri ciascuno. Rimuovete i semi e la buccia al pezzo di zucca e tagliatela anch’essa a tocchetti di circa le stesse dimensioni delle carote. Infine prendete i cipollotti (piccoli) e rimuovete la parte verde, e la parte dura vicino alle radici lasciando esclusivamente il bulbo. Per quanto riguarda la cipolla di tropea togliete anche qui la parte fogliare, ma poi suddividetela in più spicchi.

Riempite una pentola con 2 litri di acqua, un bicchiere di aceto di mele, o di vino bianco ed un cucchiaio di zucchero abbondante. Poi portate il tutto ad ebollizione. Versate le verdure a tocchetti nell’acqua acidula bollente e lasciatele scottare per un tempo di 4-5 minuti. Poi scolatele e lasciatele raffreddare in un contenitore di vetro. Una volta che avranno finito di svaporare, assemblatele per bene nel contenitore di vetro e ricopritele con olio d’oliva abbondante.

Mettete in frigo e consumate la giardiniera nell’arco di una settimana, sia per contorno con piatti di carne o affettati, sia come salsetta ulteriormente sminuzzata come ingrediente per molte altre preparazioni come ripieni e sughi.

Dai il tuo voto