Minestra di farro alla trebua 4.33/5 (3)

minestra di farro alla trebua

Minestra di farro alla trebua

Tempo 100x100Durata: 1h 45 min + 12 h di riposo

Difficoltà: media

   Origine: Umbria

La minestra di farro alla trebua è una ricetta tipica dell’Umbria. Questa regione è ricca di tantissime varietà di legumi, e da sempre hanno giocato un ruolo fondamentale nella cucina tradizionale umbra, soprattutto nelle zuppe e minestre. I legumi si abbinano moltissimi con i cereali come orzo e farro, in particolare quello di Monteleone.  Trebua è infatti l’antico nome etrusco di Trivio, un paese nei pressi di Monteleone di Spoleto, zona tipica per la coltivazione del farro. Questa zuppa è infatti rappresentativa dell’Umbria, dato che sono presenti anche molti legumi legumi come fagioli e ceci, e le cicerchie di Colfiorito e le lenticchie di Castelluccio.

Ingredienti

Per 4 persone

Farro200g
Fagioli80g
Ceci80g
Lenticchie80g
Cicerchie60g
Cipolla1
Sedano1 costa
Pecorino grattugiatoq.b.
 Olio extravergine di olivaq.b.
 Saleq.b.

Prodotto tipico: Farro di Monteleone di Spoleto

Prodotto tipico: Lenticchie di Castelluccio

Prodotto tipico: Cicerchie di Colfiorito

Preparazione

La sera prima della preparazione mettete a bagno in acqua fredda i legumi per almeno 12 ore, e 16 ore per i ceci.

Il giorno seguente buttate l’acqua e lavate i legumi. Poi lasciateli asciugare. Prendete una ciotola abbastanza capiente e versateci il farro all’interno. Poi riempite il volume rimanente di acqua e lasciate il farro in ammollo per circa 2 ore.

Prendete un tegame di coccio, oppure una casseruola, e dopo aver aggiunto un filo d’olio extravergine di oliva, versateci un trito di cipolla e di sedano. Lasciate rosolare per circa 4-5 minuti, finché la cipolla non risulterà abbastanza imbiondita. Poi aggiungete dell’acqua e poi i legumi.

Regolate di sale e continuate la cottura per almeno un’ora. Poi aggiungete il farro e continuate la cottura per altri 30 minuti. Poi spegnete.

Servite la minestra di farro alla trebua ben calda con un’abbondante spolverata di pecorino grattugiato.

Dai il tuo voto