Umbria

Il Montefalco Sagrantino DOCG è un vino di grande struttura. Si presenta di colore rosso rubino intenso talvolta con riflessi violacei e tendente al granato con l’invecchiamento. All’odore risulta delicato, caratteristico che ricorda quello delle more di rovo, e al sapore appare asciutto e armonico. L’aroma è molto persistente al naso con tipici sentori di more di rovo, prugna e cuoio che si legano perfettamente con la vaniglia data dal legno. Il gusto è possente, morbido e vellutato

LEGGI

Il vino Torgiano Rosso Riserva DOCG è prodotto esclusivamente nel territorio del comune di Torgiano in provincia di Perugia.  Il Torgiano Rosso Riserva DOCG è un vino ricco e complesso, adatto ad un lungo invecchiamento, minimo tre anni. Uve Sangiovese dal 50 al 70%, Canaiolo dal 15 al 30%, Trebbiano fino al 10%; possono concorrere altri vitigni rossi (Ciliegiolo, Montepulciano) fino ad un massimo del 15%.

LEGGI

La denominazione Orvieto DOC è riservata ai vini bianchi delle tipologie OrvietoOrvieto SuperioreOrvieto Vendemmia Tardiva e Orvieto Muffa Nobile. Le uve destinate alla produzione di vini Orvieto vengono prodotte in un gruppo di comuni distribuiti tra le province di Viterbo e Terni.

LEGGI

Il pecorino di Norcia è un formaggio tipico dell’Umbria, in particolare viene prodotto a Norcia ed in tutta la Valnerina in provincia di Perugia. La crosta risulta più o meno abbuccata a seconda della stagionatura, mentre la pasta rimane chiara e non scurisce oltre il giallo paglierino, nonostante la stagionatura.

LEGGI

Il tartufo nero di Norcia (Tuber melanosporum Vittadini)  è un fungo invernale che generalmente viene raccolto da metà Novembre a metà Marzo. Questo tartufo è ben diverso da quello nero ordinario, chiamato anche tartufo di Bagnoli. Infatti quello ordinario ha un forte odore fenico, un sapore amarognolo ed uno scarso valore commerciale, mentre quello di Norcia ha un profumo intenso ed aromatico, tanto che viene chiamato anche “tartufo nero dolce”.

LEGGI

Il prosciutto di Norcia è un prodotto tipico umbro. Prodotto nei comuni di Norcia, Monteleone di Spoleto, Cascia, Poggiodomo e Preci, questo prosciutto ha guadagno il marchio IGP. Questo particolare prosciutto, ottenuto dalle migliori cosce dei maiali di età compresa tra i 9-15 mesi, ha la peculiarità di essere lavorato in zone con altitudini superiori a 500 m sul livello del mare. Le cosce una volta ricavate come taglio, vengono refrigerate e poi rifilate “a squadro” per dargli la caratteristica forma.

LEGGI

Gli Strangozzi al tartufo sono un piatto tipico dell’Umbria nato dall’abbinamento di due prodotti molto diffusi e apprezzati in questa regione. Il tartufo nero proveniente da Norcia, qualità pregiata ed apprezzate per il suo sapore, e gli strangozzi (o stringozzi), un formato di pasta lunga fresca tipica di questa regione, originaria della zona compresa tra Spoleto e Foligno. Molto simili ai tagliolini, si differenziano per il fatto che non contentono uova. Diffusi in tutta la regione, hanno assunto diversi nomi, a Perugia vengono chiamati umbricelli, a Terni, ciriole.

LEGGI

Quando si ha una brace accesa, ogni regione ha le sue specialità. L’Umbria è ricca di carni ed è molto diffusa la tradizione di cuocere diversi tagli di carne alla brace: si ha così la grigliata mista. Bistecche di maiale, salsicce, pancetta di maiale, manzo vengono cotte alla brace creando certamente un piatto davvero succulento da abbinare certamente ad un buonissimo vino rosso robusto e di corpo di cui l’Umbria è davvero ricca.

LEGGI

La minestra di farro alla trebua è una ricetta tipica dell’Umbria. Questa regione è ricca di tantissime varietà di legumi, e da sempre hanno giocato un ruolo fondamentale nella cucina tradizionale umbra, soprattutto nelle zuppe e minestre. I legumi si abbinano moltissimi con i cereali come orzo e farro, in particolare quello di Monteleone.  Trebua è infatti l’antico nome etrusco di Trivio, un paese nei pressi di Monteleone di Spoleto, zona tipica per la coltivazione del farro.

LEGGI