Fagioli e Scarole 5/5 (2)

La zuppa di fagioli e scarole è un piatto tipico di Napoli. Si tratta di una ricetta semplice da preparare ma molto gustosa e sana. Rispetto alla più famosa e ricca minestra maritata, composta dal connubio di verdura e carne, questa ricetta non prevede l’utilizzo di carne, ma nonostante tutto è estremamente saporita, adatta alle fredde serate invernali.

5/5 (2) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/fagioli-e-scarole/">Leggi il seguito

Cicatielli con il Pulieio 5/5 (1)

I Cicatielli con il pulieio sono una ricetta tipica dell’Irpinia. I cicatielli sono la versione campana dei cavatelli, leggermente più grandi e lunghi. In questo piatto vengono conditi con un sugo a base di pomodoro (passata o maturi a pezzi a seconda della stagione) insaporito dalle foglie di Pulieio, come in questa zona viene chiamata la mentuccia o nepetella.

5/5 (1) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/cicatielli-con-il-pulieio/">Leggi il seguito

Pasta alla Scarpariello 5/5 (1)

La pasta alla scarpariello è un primo semplice e gustoso della tradizione napoletana e campana in generale. Originariamente il sugo era quello del ragù avanzato del giorno prima, oggi si utilizzano in gran parte i pomodorini freschi. Il tutto abbondantemente insaporito da parmigiano grattugiato. Un piatto semplice che esalta i sapori base della cucina partenopea.

5/5 (1) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/pasta-alla-scarpariello/">Leggi il seguito

Spaghetti con la colatura di alici 5/5 (1)

Gli spaghetti con la colatura di alici è un piatto tipico di Cetara e della costiera amalfitana in generale. E’ molto antico l’utilizzo in cucina, come condimento, di salse derivate dalla lavorazione del pesce. L’origine di questa usanza è probabilmente orientale e nel tempo si è diffusa anche in Italia, prima con gli antichi greci e poi con gli antichi romani che hanno reso il garum un elemento indispensabile delle loro tavole.

5/5 (1) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/spaghetti-con-la-colatura-di-alici/">Leggi il seguito

Torta caprese al limone 5/5 (5)

L’origine della torta caprese è molto incerta. La base della torta classica è costituita da cioccolato fondente, mandorle e uova. Oggi presentiamo l’altrettanto saporita variante bianca, contraddistinta dalla presenza di cioccolato bianco e, soprattutto, da un prodotto tipico di Capri: il limone.

5/5 (5) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/torta-caprese-al-limone/">Leggi il seguito

Ravioli Capresi 5/5 (1)

Capri, isola ricca di bellezze e tradizioni, di giorno ci affascina con il suo mare, e la sera con la sua tavola. Una delle specialità dell’isola sono infatti i ravioli capresi. Teneri e ripieni di formaggio vengono conditi con dell’ottimo sugo al pomodoro.

5/5 (1) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/ravioli-capresi/">Leggi il seguito

Fettine di carne alla pizzaiola 5/5 (1)

Le fettine di carne alla pizzaiola sono un ottimo modo per avere un secondo semplice, veloce e saporito. Le fettine rimangono morbide e danno un buon sapore al sugo di pomodoro, che si può usare per farci la scarpetta con il pane o anche per condire un po’ di pasta. Una ricetta comoda per chi la sera non vuole troppo impegnarsi a cucinare ma poi con ottimi risultati a tavola.

5/5 (1) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/fettine-di-carne-alla-pizzaiola/">Leggi il seguito

Friarielli in padella  5/5 (4)

I friarielli sono un contorno molto legato alla tradizione napoletana. I friarielli, da non confondere con le cime di rapa, o i broccoletti, o i rapini. Anche se si tratta della stessa pianta, il loro sapore è diverso, molto probabilmente sarà una questione di fenotipo o di diversa tipicità dovuta al suolo.

5/5 (4) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/friarielli-in-padella/">Leggi il seguito

Migliaccio napoletano 5/5 (5)

Il migliaccio è un dolce tipico napoletano che si preparava durante i giorni di festa e soprattutto durante il periodo di Carnevale. Il suo nome deriva proprio dal miglio, un cereale oggi poco utilizzato ma che nei secoli passati veniva spesso utilizzato nella cucina povera partenopea. La ricetta originale richiede il miglio, ma spesso c’è chi usa il semolino al suo posto.

5/5 (5) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/migliaccio-napoletano/">Leggi il seguito