Ciambella romagnola 5/5 (1)

Ciambella romagnola

Ciambella romagnola

Durata 45 min
Difficoltà  Intermedia
Origine Emilia Romagna

La ciambella romagnola è un dolce rustico molto semplice e abbastanza facile da preparare. Questo dolce, chiamato anche brazadela in forma dialettale, contrariamente a quanto faccia capire il nome si presenta senza buco, ma a forma di panetto allungato. La sua particolarità è inoltre la sua croccantezza esterna che fa da contrasto con la morbidezza all’interno. Dolce semplice si presta benissimo per molti abbinamenti, soprattutto quello a fine pasto con un bel bicchiere di Albana dolce. Ma ottima anche a colazione.

Ingredienti

IngredientiQuantità
Farina 00400g
Zucchero150g
Limon1
Uova2
Burro55g
Strutto50g
Lievito per dolci1 bustina
Latte intero50ml
Chicchi di zuccheroq.b.

Procedimento

Per questa preparazione potete anche utilizzare un robot da cucina.

Prendete una ciotola e versateci all’interno la farina con lo zucchero (se preferite potete farlo su una spianatoia). Aggiungete le uova intere e il burro, lo strutto, la bustina di lievito per dolci e una grattata di scorza di limone. Mescolate il tutto per bene facendo amalgamare per bene gli ingredienti. Quando l’impasto comincerà ad essere più omogeneo cominciate ad integrare il latte un po’ alla volta. All’inizio l’impasto risulterà appiccicoso, poi lavorandolo andrà sempre di più ad assumere una consistenza più soda.

Prendete una teglia bassa a forma rettangolare e passateci all’interno un po’ di burro. Oppure potete foderarla con della carta da forno. Versate l’impasto nella teglia formando una specie di pagnotta. Fondete un po’ di burro e utilizzatelo per spennellare tutta la superficie della ciambella romagnola. Fate cadere i chicchi di zucchero sopra la superficie imburrata in modo uniforme.

Riscaldate il forno a 180°C e lasciate cuocere la ciambella romagnola per circa 30 minuti.  Il dolce andrà via via assumendo una colorazione sempre più dorata. Controllate comunque il grado di cottura infilzandolo con uno stuzzicadenti.

Una volta cotta, sfornatela e lasciate raffreddare la ciambella romagnola, che va servita a temperatura ambiente.

Dai il tuo voto