Fiadoni abruzzesi 5/5 (1)

Fiadoni abruzzesi

Fiadoni abruzzesi

Durata 1 h 20 min
Difficoltà  Intermedia
Origine Abruzzo

I fiadoni sono una specialità tipica dell’Abruzzo. Dalla forma simile ad un raviolo, ne esistono due varietà sia dolce che salata. Si chiama così dal fatto che tendono a gonfiarsi facilmente durante la cottura, rilasciando il vapore a soffi nell’estremità superiore, da qui soffioni o fiatoni. Sono facilmente distinguibili inoltre per il taglio, spesso anche a croce, nella parte superiore più alta. Questo taglio viene fatto proprio per facilitare il rilascio del vapore durante la cottura. Si trova generalmente nei forni, questo raviolo salato ripieno di un impasto di ricotta, formaggio stagionato e spezie sono ottimi sia come merenda che come dolcetto.

Ingredienti

Per 4 persone:

Per la pasta:

  • 400 gr di Farina
  • 2 Uova
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • ½ di Olio di Oliva
  • Sale

Per il ripieno:

  • 1 Uovo
  • 300 gr di Ricotta
  • 50 gr di formaggio Rigatino
  • 50 gr di Pecorino grattugiato
  • Noce moscata

Preparazione

Preparate una spianatoia, versate la farina formando una fontana con un incavo. Unite un uovo, una manciata di sale, l’olio di oliva, un pizzico di sale e versando gradualmente il vino bianco cominciate ad impastare bene tutti gli ingredienti. Impastate finchè non otterrete un impasto omogeneo. Tenete conto che l’impasto deve essere abbastanza compatto ed elastico, se così non fosse regolatevi con acqua (se fosse troppo duro) o con farina (troppo liquido).

Una volta ottenuto un impasto elastico e compatto, passatelo alla macchina per ottenere una sfoglia sottile. Suddividete la sfoglia longitudinalmente in strisce larghe circa 10 cm.

Adesso pensiamo alla preparazione del ripieno. Prendete una ciotola e versateci all’interno la ricotta setacciata, il pecorino grattugiato, un uovo intero e il rigatino. Poi per completare aggiungete una buona grattata di noce moscata. Se volete qui potete aggiungere pepe e zafferano. Se preferite una versione dolce, invece potete utilizzare zucchero e cannella e sostituire il pecorino grattugiato con un formaggio vaccino dolce.

Una volta ottenuto amalgamati bene tutti gli ingredienti, ponete al centro di ogni striscia di sfoglia, tante porzionei di impasto a distanza di circa 5-6 cm l’una dall’altra. Le porzioni che aggiungete devono essere abbondanti: il fiadone deve risultare ben gonfio. Ripiegate la striscia di pasta longitudinalmente e poi schiacciate i bordi per far aderire bene le estrrmità per evitare di far uscire il contenuto durante la cottura. Poi prendete una rotellina dentata per tagliare intorno ad ogni ripieno una mezzaluna di pasta, appunto i fiadoni.
Disponete i fiadoni su una teglia su cui il fondo è stato ricoperto da carta da forno.

Rompete un uovo in un piccolo contenitore e sbattetelo. Passate l’uovo sbattuto sopra ogni fiadone, questo servirà a conferire al fiadone una colorazione più viva. Prendete poi un coltello ben affilato e tagliate la parte superiore del fiadone, questo servirà a far fuoriuscire il vapore formato ed eventuali liquidi. Assumeranno così durante la cottura la loro forma caratteristica.

Riscaldate il forno a 180°C e infornate la teglia. Lasciate cuocere i fiadoni abruzzesi per 20 minuti circa.

Dai il tuo voto