Morsello nella pitta ( Morseddhu ca pitta ) 5/5 (3)

Morzeddu, Morzello

Morsello nella pitta (Morseddhu ca pitta)

Durata 1 h 20 min
Difficoltà  Intermedia
Origine Calabria

Il morzello nella pitta, o in dialetto morseddhu ca pitta è una specialità tipica di Catanzaro. Oggi servito come antipasto, questo piatto molto ricco e robusto costituiva una volta l’unico pasto della giornata prima di un duro lavoro nei campi. Il morzeddu, o morzeddhu, o morzello è un piatto nato dalle esigenze di poter riutilizzare i materiali di scarto della macellazione, infatti è composto da piccoli pezzetti di tagli minori e frattaglie del vitello e del maiale. Il suo nome deriva proprio da “morzha” che significa piccolo. Per poter degustare questo piatto i contadini e gli operai calabresi erano soliti distribuirlo all’interno di un panino tipico del luogo, la pitta.
Abbinamento vinoVino in abbinamento: Terre di Cosenza Rosso DOC

Ingredienti

I tagli utilizzati potrebbero essere trippa (Rumine, abomaso e reticolo), Omaso (centupezzi), Interiora (cuore, milza, polmone ed esofago), pancia del vitello. Immancabile comunque la trippa.

Per 4 persone:

  • 200 gr di Trippa e altre interiora di Vitello
  • 300 ml di Conserva di Pomodoro
  • 1 Pitta calabrese
  • 2 Peperoncini
  • Origano
  • 2 foglie di Alloro
  • ½ Cipolla
  • 1 gambo di Sedano
  • ½ Carota
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • Olio extravergine di Oliva
  • Sale

Procedimento

Lasciate la trippa in un contenitore pieno di acqua salata a spurgare per diverse ore. Poi scolatela e sciacquatela. Prendete una pentola di acqua, salatela e portatela a bolllore. Fate lessare la trippa per il tempo necessario e poi scolatela, asciugatela per bene e tagliatela a piccole striscioline. Stessa cosa fatela con tutte le interiora e i pezzi di carne della pancia del vitello.

Prendete la cipolla, il sedano e la carota e tritate tutto finemente. Stessa cosa fate con i peperoncini freschi.

Prendete una grande casseruola e aggiungete un filo di olio extravergine di oliva, le foglie di alloro, il trito di sedano, cipolle e carote e peperoncino e fate soffriggere il tutto per 3-4 minuti. Aggiungete poi i pezzi di interiora e trippa e fateli rosolare per bene mescolando di continuto. Poi sfumate con un bicchiere di vino bianco, aggiungete un po di sale e continuate la cottura a fuoco vivace. Fate evaporare tutto il vino, solo quando sarà totalmente evaporato verserete la conserva di pomodoro. Aggiungete un po’ di origano a piacere e continuate la cottura a fuoco moderato per circa 1 ora, tenendo il coperchio sulla pentola. Ogni tanto controllate lo stato di cottura.

Prendete la pitta calabrese e tagliatela in 4 parti. Poi ognuna di esse tagliatela a metà come un panino in modo da poterla farcire con il morzeddu. Potete riscaldare la pitta nel forno prima di utilizzarla in modo da renderla calda e più croccante.

Una volta cotto il morzeddu, versatelo con un cucchiaio all’interno delle 4 parti di pitta in modo da formare dei panini ben farciti. Aggiungete abbondante sugo in modo da ammorbidire l’interno della pitta. S

A gusto potete aggiungere un po’ di pecorino grattugiato.

Il morsello nella pitta ( Morseddhu ca pitta ) deve essere servito ben caldo e croccante.

Dai il tuo voto