Olive ascolane 4.75/5 (4)

Meccanismo Complesso - Olive Ascolane

Olive ascolane

Durata 1 h
Difficoltà Intermedia
Origine Marche

Questa specialità gastronomica tipica del Piceno (Marche) è oggi praticamente molto diffusa e apprezzata in tutta Italia. Come dice il nome, questo piatto ha origini nella città di Ascoli Piceno e si fa risalire agli inizi del diciottesimo secolo. I cuochi che in quel tempo prestavano servizio presso le nobiltà locali potevano disporre di una grandissima varietà di carni, e quindi sfruttando questo fattore e le olive Ascolane, un specialità tipica locale, crearono questo piatto per i loro signori, che poi si diffuse nel nostro secolo anche per tutta la popolazione, ben al di fuori delle Marche.

Le olive ascolane spesso oggi si mangiano da sole, ma fanno parte del fritto all’ascolana,  che oltre alle olive, comprende anche carciofi, zucchine, cotolette di agnello e la crema fritta.

Abbinamento vinoVino in abbinamento: Terre di Offida Passerina Spumante DOC

Ingredienti

  • 1 Kg di Olive verdi ascolane
  • 150 gr di Magro di Vitello
  • 100 gr di Petto di Pollo
  • 100 gr di Magro di maiale
  • 50 gr di Prosciutto crudo
  • 100 gr di Parmigiano grattugiato
  • 6 Uova
  • Noce Moscata
  • 1 Carota
  • 1 costa di Sedano
  • 1 Cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • Farina q.b.
  • Pangrattato q.b.
  • Olio per friggere
  • Sale


Prodotti tipici 2  Prodotto tipico:  Oliva ascolana del Piceno

Procedimento

La ricetta originale richiede che i tagli di carne siano gli avanzi di un arrosto o di un lesso dopo aver preparato il brodo. Quindi se avete a disposizione dell’arrosto di maiale avanzato oppure dei tagli di manzo o dei pezzi di pollo lessi, utilizzateli nella ricetta sostituendoli a quelli proposti nella ricetta.

olive ascolane

Se non avete a disposizione degli avanzi di carne, mettete in una padella un trito di cipolla, sedano, carota, aglio e sale e fatelo soffriggere con sufficientemente olio. Tagliate a pezzettini la carne di maiale, di  pollo e di vitello e fateli rosolare insieme al soffritto. Prendete il tutto e fatelo passare in un tritacarne insieme al prosciutto crudo.

olive ascolane

In un ciotola amalgamate l’impasto ottenuto con il parmigiano reggiano, due uova e una buona grattata di noce moscata. L’impasto dovrebbe essere lavorato fino a renderlo liscio, omogeneo e morbido.

olive ascolane

Snocciolate le olive con l’attrezzo apposito, poi una volta rimosso il nocciolo, fate un taglio ad un lato e riempite l’interno con l’impasto.

olive ascolane

Riempite un contenitore (anche un piatto va bene) con uno strato di farina e poi fate rotolare le olive farcite ancora umide su di esso, in modo da infarinare uniformemente tutta la superficie. Fatelo via via con tutte le olive.

olive ascolane

Poi prendete le quattro uova e sbattetele in una ciotola, mentre in un’altra mettete il pane grattugiato. Immergete ogni oliva prima nell’uovo e poi rotolatela nel pane grattugiato.

olive ascolane

Una volta pronte, potete conservarle nel frigo oppure friggerle in abbondante olio di oliva. Ricordate che le olive durante la frittura dovranno essere completamente ricorperte dall’olio. State attenti a non muoverle troppo per evitare che si spacchino e che il contenuto esca fuori dalla panatura.

olive ascolane

Una volta ben dorate e che avranno formato una bella crosta croccante, con un mestolo forato togliete le olive dall’olio di frittura e ponetele sopra un panno di carta da cucina ad asciugare.

olive ascolane

Come tutti i fritti, è importante servire le olive ascolane appena fritte e ben calde.

Dai il tuo voto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.