Pappardelle al tartufo 5/5 (1)

pappardelle al tartufo

Pappardelle al tartufo

Durata 1 h
Difficoltà  Intermedia
Origine Marche

Le pappardelle al tartufo sono un primo piatto tipico delle zone montane dell’entroterra Marchigiano. La pasta è all’uovo e viene assolutamente preparata fresca al momento. Uno dei formati più amati in queste zone è quello delle pappardelle che rimangono larghe e sode e fanno risaltare la qualità della sfoglia di pasta. Come condimento si prepara spesso un sugo leggero a base di olio, aglio e un po’ di funghi porcini trifolati che fanno da base, per poi aggiungere alla fine il tartufo nero tagliato a scaglie sottili.

Abbinamento vino Vino in abbinamento: Rosso Piceno DOC 

Ingredienti

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 Uova
  • 300 gr di Farina di grano duro
  • 100 gr di Semola di grano duro
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 Porcino fresco
  • Tartufo nero marchigiano q.b.
  • Olio extravergine di Oliva
  • Sale

Procedimento

Su di una spianatoia, mettete la farina e la semola di grano duro. Formate la classica fontana e poi rompete al centro le tre uova. Cominciate ad impastare per far in modo che le uova vengano ben incorporate nell’impasto. Se per caso non fossero sufficienti, aggiungete poca acqua tiepida e continuate ad impastare sempre più vigorosamente.

Quando l’impasto avrà assunto una bella consistenza elastica ed omogenea, formate una palla con l’impasto, e poi copritela con una pellicola trasparente. Lasciate riposare l’impasto per 30 minuti. Alla fine del tempo troverete un impasto più elastico e di struttura più rilassata.

Cominciate a stendere la pasta utilizzando l’apposita macchinetta. Alla fine dovrete ottenere una sfoglia di circa 1 millimetro di spessore. Usate un po’ di semola di grano duro per evitare che la sfoglia si attacchi su se stessa. Poi sempre con la macchinetta, oppure anche a mano tagliate la sfoglia in pappardelle di circa 3-4 cm di larghezza.

Pulite il tartufo, strofinandolo con un panno umido. Prendete una padella e aggiungete un filo d’olio, lo spicchio dell’aglio intero, ed il fungo porcino tagliato a piccoli tocchettini. Fate rosolare per bene i funghi porcini nell’aglio, e poi continuate la cottura del fungo anche aggiungendo un po’ di vino bianco se volete.

Nel frattempo riempite una pentola di acqua e portatela a bollore. Raggiunta l’ebollizione aggiungete una presa di sale e poi versateci dentro le pappardelle. Fatele cuocere al dente e poi una volta cotte versatele nella padella facendole saltare in modo che si insaporiscano per bene. Parte del tartufo lo gratterete mentre le pappardelle salteranno in padella. Poi una volta spento, servite le pappardelle aggiungendo tartufo nero marchigiano tagliato a scaglie.

Dai il tuo voto