Pettole (Pittule) 5/5 (1)

Pettole Pugliesi - Ricetta

Pettole (Pittule)

Durata 45 min + 3h di riposo
Difficoltà Intermedia
Origine Puglia

Le pettole, o pittule sono una specialità della gastronomia pugliese. Piccole frittelline rotonde di pasta lievita vengono mangiate così semplicemente oppure con l’impasto arricchito da altri ingredienti. Esiste anche la versione dolce con zucchero a velo (o Nutella 😀 ! ). Questo piatto benché semplice, porta dietro di sè una tradizione antica e ricchissima. Ogni città ha le sue tradizioni riguardo questo piatto ( e spesso anche il nome cambia ;). Questo aspetto duale lo possiamo ritrovare in moltissimi altri piatti della tradizione pugliese semplici ma allo stesso tempo ricchissimi di storia e tradizioni.

Ingredienti

  • 500 gr di Farina
  • 20 gr di Lievito di Birra
  • Olio per friggere
  • Sale

Preparazione

Preparate una spianatoia, ma anche una grossa ciotola può anche andare bene. Versate la farina formando una fontana (nel caso di una spianatoia). Versate nell’incavo centrale una tazza di acqua tiepida in cui avete stemperato in precedenza tutto il lievito di birra.

Cominciate ad amalgamare il tutto con un cucchiaio, poi via via che l’acqua viene tutta incorporata dalla farina, cominciate ad impastare con le mani. Unite ulteriore acqua tiepida in modo da ammorbidire l’impasto che dovrà risultare estremamente morbido.

Quando l’impasto risulterà morbido, ma soprattutto omogeneo, mettetelo in una ciotola e copritelo con un canovaccio. Lasciatelo lievitare per circa 3 ore.

La tradizione vuole che vengano fritti in una grande padella di ferro, comunque è sufficiente che la pentola sia abbastanza profonda. Riempitela di olio per friggere e portatelo ad alta temperatura. Prendete un cucchiaio unto di olio e usatelo per prelevare una porzione dall’impasto. Fate “sgocciolare” la porzione dal cucchiaio direttamente nell’olio di frittura, in modo che si formi una palletta leggermente a forma di goccia. Appunte le pettole. Non esagerate nell’aggiungere le porzioni, perchè potrebbero attaccarsi le une con le altre nel momento in cui la “sgocciolate” nell’olio per friggere.

Una volta che le pettole risultano ben dorate e croccanti, levatele dall’olio di frittura con un mestolo forato. Fatele ben sgocciolare e ponetele su un panno di carta assorbente da cucina per togliere l’unto in eccesso.

Se volete la versione salata (adatta come snack o antipasto) aggiungete una manciata di sale sopra le pettole, altrimenti se preferite come dessert le potete ricoprire di zucchero a velo (o magari di Nutella 😉 ).

 

Dai il tuo voto