Seadas al miele e scorza di arancia 5/5 (2)

gran-consiglio-della-forchetta-seadas-al-miele-e-scorza-di-arancia

Seadas al miele e scorza di arancia

Durata 1 h e 30 min
Difficoltà Intermedia
Origine Sardegna

Le seadas al miele e scorza di arancia sono una ricetta tipica della Sardegna. La seada (al singolare) o sebada, è un dolce il cui nome deriva dalla parola latina sebum, per il fatto che veniva preparato con lo strutto e formaggio, e quindi di consistenza unta, grassa. Di tradizioni storiche antichissime, come molte altre ricette sarde, le seadas sono le eredi di ricette che risalgono al tempo degli antichi romani, dove moltissime fonti e testimonianze descrivono dolci preparati allo stesso modo. Nei secoli successivi, questo dolcetto veniva tradizionalmente preparato nelle zone in cui si praticava la pastorizia, e per le grandi occasioni in particolare per le feste pasquali. Oggi le seadas hanno riscosso un enorme successo, tali da essere preparate e consumate pressochè in tutta la Sardegna ed in ogni periodo dell’anno.

locale Dove Mangiare: Ristorante Antica Cagliari (Cagliari)

Ingredienti

Per 4 persone:

  • 400 gr di Ricotta di Pecora
  • 500 gr di Farina
  • Semola di grano duro rimacinata
  • 50 gr di Strutto
  • 2 Arance
  • Miele
  • Olio di Oliva
  • Sale

Procedimento

Prendete la ricotta fresca e passatela attraverso un setaccio in modo da renderla più fine ed uniforme. Mettete la ricotta setacciata in una casseruola, aggiungete un bicchiere di acqua, un cucchiaio di semola e la scorza grattugiata di un’arancia.  Riscaldate a fuoco bassissimo mescolando gli ingredienti finchè non si saranno ben amalgamati tra di loro formando una sorta di impasto.

Dopo averlo fatto raffreddare, ma ancora tiepido, prendete con le mani inumidite delle piccole porzioni di impasto. Modellate le porzioni una per volta, formando dei piccoli dischi di circa 7-8 cm di diametro. Mano a mano che li fate, disponeteli su di un canovaccio in modo che si possano asciugare.

Adesso pensiamo alla preparazione della pasta. Versate la farina su di una spianatoia. Formate una fontana e ponete al centro lo strutto (se non lo avete sostituitelo con il burro) e mezzo bicchiere di acqua tiepida salata. Lavorate l’impasto delicatamente con le mani, poi sempre più vigorosamente, aggiungendo ulteriore acqua se necessario. Lavorate la pasta via via sempre più energicamente, finchè non avrai ottenuto un impasto elastico e compatto.

Formate due sfoglie sottilissime di uguali dimensioni. Sulla prima disponete i dischi di ripieno a qualche centimetro di distanza l’uno dall’altro. Poi coprite attentamente la prima sfoglia con la seconda, premendo con le dita intorno alle farce in modo da sigillare i bordi e favorire l’adesione tra le due sfoglie.

Prendete la rotella dentata e cominciate a tagliare dei cerchi in corrispondenza delle farce, formando così dalle sfoglie via via i seadas.

Prendete una pentola per friggere, riempitela d’olio e portate ad alta temperatura. Friggete le seadas una dopo l’altra e poi una volta cotte e dorate, trasferitele su carta assorbente ad asciugare. Infine servitele su di un piatto ancora calde.

Sopra la seadas guarnite con abbondante miele e una grattata abbondante di scorza d’arancia (o arancia candita sminuzzata se preferite). Guarnite il piatto con le fettine di arancia che rimangono dopo la rimozione della scorza.

Dai il tuo voto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.