Cucina TipicaPrimi piattiVeneto

Spaghetti al Nero di Seppia 5/5 (1)

Spaghetti al nero di seppia

Spaghetti al Nero di Seppia

Durata 45 min

Difficoltà Intermedia

Origine Veneto

Gli spaghetti al nero di seppia sono un modo alternativo di utilizzare il sugo al nero di seppia sostituendo la polenta con la pasta. Questo piatto veneziano è un’ottima soluzione da presentare a tavola, particolare e sfiziosa.

Ingredienti

Per 4 persone:

  • 360 gr di Spaghetti
  • 1 seppia (circa 500 g)
  • 250ml di passata di pomodoro
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 sacchetto di nero di seppia
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Procedimento

Prendete la seppia, lavatela sotto l’acqua corrente, eliminando le interiora, l’osso interno e la parte del becco e degli occhi, recuperando però i tentacoli. Sciacquate per bene la seppia così svuotata e tagliatela a piccoli pezzi insieme ai tentacoli. Procuratevi una casseruola piccola ed aggiungeteci un fondo d’olio extravergine di oliva ed uno spicchio d’aglio.

Fate rosolare l’aglio per un minuto o due e poi aggiungete la seppia a pezzetti. Lasciatela rosolare giusto per qualche minuto, poi sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco. Date a questo il tempo di evaporare e poi versate la passata di pomodoro, allungando con un po’ d’acqua. Aggiungete un po’ di sale e dopo circa 5 minuti, quando il sugo avrà cominciato a sobbollire, aggiungete il nero di seppia. Mescolate per bene il sugo fino a quando non avrà preso un bel colore nero uniforme. Abbassate la fiamma e coprite con un coperchio lasciando cuocere il sugo per almeno un’altra mezz’ora.

Nel frattempo, mettete a bollire una pentola di acqua. Raggiunto il bollore, aggiungete una presa di sale e versate gli spaghetti. Portateli a fine cottura e scolateli. Versate gli spaghetti in una padella in cui avrete riversato il sugo al nero di seppia, oppure nella casseruola stessa e fate saltare la pasta per un minuto o due, per far aderire per bene il sugo. Spegnete e servite gli spaghetti al nero di seppia.

Dai il tuo voto