Strangozzi alla Zia Assunta (zucchine, pancetta e ricotta) 4.5/5 (4)

Strangozzi alla zia Assunta

Strangozzi alla Zia Assunta (zucchine, pancetta e ricotta)

Durata 30 min

Difficoltà  Intermedia

Origine Umbria

Gli Strangozzi (o Stringozzi) sono un formato di pasta tipico dell’Umbria che viene sempre abbinato con prodotti regionali o montani, ingredienti che sono stati da sempre facilmente reperibili nel territorio regionale. Oggi vi propongo una ricetta e dedicarla a mia zia, che li prepara proprio così, abbinandoli ad un condimento a base di pancetta, zucchine e ricotta. Eccovi quindi la ricetta degli Strangozzi alla Zia Assunta.

Ingredienti

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di Strangozzi
  • 150 gr di Ricotta fresca
  • 100 gr di Pancetta (o Guanciale)
  • 2 Zucchine
  • Menta
  • Olio extravergine di Oliva
  • Sale

Procedimento

Procuratevi una bella fetta spessa di pancetta o di guanciale di maiale, e tagliatela a dadini. Prendete una padella antiaderente, aggiungete una punta di olio extravergine di oliva, e la pancetta a dadini. Fatela rosolare per bene per qualche minuto,

Strangozzi alla zia Assunta 01

Prendete le zucchine, mondatele e lavatele. Poi tagliatele a dadini. Aggiungeteli alla pancetta in padella e mescolate facendoli rosolare ed insaporire insieme. Dopo un minuto o due, sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e lasciate evaporare. Regolate di sale e continuate a fuoco lento aggiungendo un po’ di acqua per favorire la cottura delle zucchine. Quando la zucchina sarà quasi pronta aggiungete delle foglioline di menta fresca.

Una volta cotte le zucchine spegnete ed aggiungete la ricotta fresca. Mettete a bollire una pentola di acqua salata e poi ad ebollizione versateci dentro a cuocere gli strangozzi. Una volta cotti scolateli e versateli nella padella con tutto il condimento. Riscaldate velocemente mescolando con un po’ di acqua di cottura, in modo da far aderire il condimento agli strangozzi.

Spegnete e servite gli strangozzi alla Zia Assunta. Potete aggiungere se volete alla fine un filo di olio extravergine a crudo, rigorosamente umbro, si intende… 😉

Dai il tuo voto