Su Ghisadu 5/5 (1)

Su Ghisadu

Su Ghisadu

Durata 2 h 20 min

Difficoltà Intermedia

Origine Sardegna

Il Ghisadu, o Su Ghisadu, è il nome dello spezzatino di carne di manzo e/o agnello molto diffuso nella Sardegna nord-occidentale, la parte dell’isola che ha più risentito delle influenze spagnole. Infatti il termine Ghisadu deriva dal termine spagnolo “Guisado” che significa cotto in umido.

Vino in abbinamento: Carignano del Sulcis DOC

Ingredienti

Per 4 persone:

  • 800 gr di Spezzatino di Manzo e/o Agnello
  • 1 Cipolla
  • 1 tazza di Passata di pomodoro o 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1/2 bicchiere di vino (rosso o bianco)
  • 3 foglie di Alloro
  • 1 rametto di Rosmarino
  • bacche di mirto (opzionali)
  • 1/2 litro di Brodo
  • Zafferano
  • Olio extravergine di oliva
  • Pepe
  • Sale

Preparazione

Nota prima di cominciare: Se volete preparare il sa ghisadu come spezzatino in umido (solo per secondo) seguite le indicazioni della ricetta, se invece volete prepararci insieme anche del sugo per condire la pasta, come per esempio i malloreddus (gnocchetti sardi), aumentate la quantità di passata di pomodoro aggiunta (500 gr di passata).

Prendete la carne di manzo e se non ancora suddivisa a spezzatino, suddividetela in piccoli pezzi. Eliminate cotenne, parti troppo grasse ed ossa.

Procuratevi una casseruola ben capiente, o meglio un tegame di terracotta e versateci un fondo di olio extravergine di oliva. Fate un trito fine a base di aglio e cipolla e versatelo nel tegame. Aggiungete le foglie di alloro, il rametto di rosmarino e le bacche di mirto leggermente schiacciate con il lato piatto di un coltello. Fate soffriggere il tutto per 4-5 minuti, poi versateci lo spezzatino di carne e lasciatelo rosolare per bene mescolando in continuazione con un mestolo di legno. Aggiungete una grattata di pepe nero e continuate a mescolare. Quando tutta la superficie dei pezzi di spezzatino risulteranno ben rosolati, sfumate con un bicchiere di vino. Lasciate evaporare tutto il vino, aggiungete un po’ di sale e poi versateci dentro la passata di pomodoro (o il concentrato).

A questo punto versate dentro un mestolo di brodo caldo in cui avrete disciolto dentro un po’ di zafferano e continuate la cottura a fuoco basso e coprite il tegame con un coperchio. Continuate così la cottura in umido. Ogni tanto alzate il coperchio e controllate il livello di cottura. Comunque, più lunga sarà la cottura,, maggiormente risulterà morbida e saporita la carne. Aggiungete altro brodo quando necessario. Al termine della cottura della carne, togliete il coperchio, alzate la fiamma e lasciate asciugare l’umidità di fondo.

Spegnete e servite il su ghisadu ben caldo, magari accompagnato con il pane carasau (potete usarlo anche come piatto su cui ci verserete sopra il su ghisadu. Se avete preparato la versione con molto sugo, potete mettere il sugo da parte per poi condirci la pasta.

Dai il tuo voto