Carciofo di Paestum 5/5 (1)

Carciofo di paestum

Carciofo di Paestum

campania Origine: Campania

Il carciofo di Paestum, chiamato anche Tondo di Paestum appartiene al gruppo genetico dei carciofi di tipo Romanesco. La pianta presenta capolini rotondi, molto compatti tra di loro ed una completa assenza di spine. Questi aspetti oltre che renderlo facilmente riconoscibile, hanno reso questo carciofo apprezzabile per tutti i consumatori. Inoltre, fra tutti i romaneschi, questa variante presenta l’ulteriore caratteristica di essere molto precoce nella maturazione, aspetto che permette a questo prodotto di essere presente sul mercato prima di ogni altro carciofo Romanesco.

Carciofo di paestum

Questo aspetto si deve principalmente alle caratteristiche presenti nell’ambiente di coltivazione, la Piana del Sele, conferendo una tipicità a questo prodotto. Il particolare clima di questi luoghi e le tecniche di coltivazione hanno reso questo carciofo molto apprezzato sia per la sua grossa pezzatura che per le sue qualità organolettiche, essendo molto gustoso, e avendo un cuore carnoso e tenero. Anche i capolini risultano più morbidi e delicati. Queste caratteristiche sono state tali da conferirgli il titolo di IGP.

La Piana del Sele, detta anche piana di Paestum, è una pianura che segue il percorso del fiume Sele, ed è situata in provincia di Salerno. La pianura nel periodo degli anni 30 fu soggetta a molte opere di bonifica che la portarono ad essere una dei centri di produzione agricola più importanti non solo della Campania, ma di tutto il meridione. Questa piana ha portato quindi sul mercato una grande quantità di ortaggi e di prodotti tipici tra cui il carciofo. Il carciofo è profondamente legato alla cultura gastronomica e rurale delle popolazioni del meridione, e di questa zona in particolare. Già all’epoca dei Borboni, i carciofi erano coltivati nella zona di Eboli, ma il maggiore sviluppo di questa coltivazione si ebbe proprio negli anni 1929-30, anni della bonifica.

Ricette

  • Pizza con i carciofini
  • Crostini con crema di carciofi

Dai il tuo voto