Marrone del Mugello

marrone del mugello

Marrone del Mugello

Origine: Toscana

Il marrone del Mugello, o marrone mugellano, è un prodotto tipico della Toscana. Questa castagna viene prodotta in alcuni comuni della zona del Mugello a nord di Firenze (Marradi, Palazzuolo sul Senio, Dicomano, Borgo Lorenzo, Firenzuola, Londa, Rufina, San Godenzo, Scarperia, Vicchio).

Questa particolare castagna viene prodotta da castagni appartenenti alla varietà Marrone Fiorentino. I castagneti coinvolti  nella produzione si estendono per oltre 3000 ettari e sono ubicati in una fascia che va dai 300m ai 900 metri sul livello del mare. La densità massima è quella di 160 piante per ettaro.

Il marrone è una castagna a pezzatura medio-grossa, a forma ellissoidale con una faccia piatta e l’altra convessa. La cicatrice alla base è di forma rettangolare e piatta con una colorazione molto più chiara rispetto al pericarpo. Il pericarpo è sottile, facilmente distaccabile e di colore bruno rossiccio con moltre striature scure. La superficie del seme risulta pressoché liscia, cioè priva di solcature. La sua polpa è bianca, croccante e di sapore gradevole.

 

Lo sfruttamento dei castagneti nella zona del Mugello si può far risalire all’epoca degli antichi Romani, ma è soprattutto nel medioevo che questo frutto viene enormemente valorizzato, rivestendo un ruolo fondamentale nell’economia e nella coltura dell’epoca. Insostituibile fonte di cibo e di reddito per le comunità montane locali, i castagni sono stati da sempre chiamati “albero del pane”.  Negli ultimi anni si è visto però un netto calo della produzione come conseguenza del progressivo spopolamento della montagna.

Dai il tuo voto