Mora Romagnola

mora romagnola
foto da http://www.ravennatoday.it

Mora Romagnola

Origine: Emilia Romagna

La Mora Romagnola è un razza di suini allevata principalmente nella zona della Romagna comprendente le provincie di Forlì e Ravenna. Il nome “Mora” fu coniato nel 1942 per via del colore del manto di questo maiale che va dal marrone scuro al nero.

Prima di questo periodo, esistevano diverse razze simili alla Mora attuale, ma con manti di colore più chiaro. La Forlivese aveva il manto nero nella parte superiore ed un manto chiaro nell’addome, la Faentina dal mantello rosso chiaro e la Riminese anch’essa dal mantello rossastro e con una stella bianca in fronte. L’incrocio di queste razze ed altre in minor minura, e poi la seguente diminuzione fino a quasi la scomparsa con soli 18 esemplari negli anni Novanta, ha portato ad un corredo genetico più univoco che equivale alla Mora Romagnola attuale.

Oggi si sta recuperando enormemente questa razza suina, e si contano attualmente circa un 500 esemplari viventi. La Mora Romagnola è caratterizzata da un bel manto scuro (nero o grigio scuro) nella parte dorsale e sugli arti, e rossastra nell’addome. Le setole sono robuste e formano una linea particolarmente evidente sul dorso.

La Mora Romagnola, come tutti gli altri maiali a manto scuro, ha carni di ottime caratteristiche utilizzati particolarmente per produrre insaccati di qualità elevata. Gli esemplari scelti per la macellazione sono compresi tra i 160 e 240 Kg di peso, ma possono raggiungere anche i 300 Kg in piena maturità.

Dai il tuo voto