Frappe di Carnevale 5/5 (3)

Nel Lazio si chiamano frappe di Carnevale, ma è un dolce di Carnevale pressochè diffuso in tutta Italia. I nomi sono diversi da regione a regione: chiacchiere, cenci, bugie, sfrappole, ecc… ma la preparazione è molto simile. Una sfoglia di impasto sottile tagliato in varie forme con una rotella dentata e fritte poi nell’olio bollente.

5/5 (3) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/italiana-generica/frappe-di-carnevale/">Leggi il seguito

Crostini con Lardo di Colonnata e miele 5/5 (1)

I crostini con lardo di Colonnata e miele sono un fine antipasto della tradizione toscana. I sapori dolci di quel lieve strato di miele accompagnato dalla croccantezza del pane unto e abbrustolito, ed il sapore del lardo lievemente sciolto sopra con il calore del pane, rendono questo crostino una vera leccornia.

5/5 (1) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/crostini-con-lardo-di-colonnata-e-miele/">Leggi il seguito

Crostata di noci e caramello 5/5 (3)

La crostata di noci e caramello è un dolce adatto a tutti quelli che amano le noci (e la frutta secca in generale). La crema di caramello poi, rende la crostata ottima anche per chi non ama i gusti troppo dolci.

5/5 (3) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/italiana-generica/crostata-di-noci-e-caramello/">Leggi il seguito

Brioche con il tuppo 5/5 (6)

La brioche col tuppo è una specialità siciliana che può essere gustata durante tutta la giornata, a partire dalla colazione fino a spuntini pomeridiani e perché no, nelle calde serate estive anche dopo cena. Tradizionalmente sono servite tagliandole nel centro e riempendole con granita, gelato o panna. Il nome tuppo deriva dal termine dialettale utilizzato per definire lo chignon, con il quale le donne raccolgono i capelli.

5/5 (6) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/brioche-con-il-tuppo/">Leggi il seguito

Bostrengo romagnolo alle mele 5/5 (6)

Il bostrengo, bustrengo o burlengo, è un dolce tipico sia della Romagna che delle Marche in particolare viene preparato nelle zone dell’entroterra dove ancora è forte la tradizione contadina. Questo dolce povero e tradizionale ha una notevole quantità di varianti, come moltissimi sono gli ingredienti di cui è composto. La ricetta che vediamo oggi è una ricetta base, che fa uso solo degli ingredienti principali ma nulla vieta a chi lo prepara di aggiungere moltissimi altri ingredienti suggeriti dalla tradizione.

5/5 (6) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/bostrengo-romagnolo-alle-mele/">Leggi il seguito

Lardo, castagne al miele e mocetta 3/5 (3)

Lardo, castagne al miele e mocetta è un classico antipasto servito nella Valle d’Aosta. Il lardo d’Arnad e la mocetta sono due dei prodotti tipici più valevoli della Valle d’Aosta, che esprimono con i loro sapori tutte le tradizioni storiche di questa terra.

3/5 (3) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/lardo-castagne-al-miele-e-mocetta/">Leggi il seguito

Mazza frissa 4.56/5 (9)

La mazza frissa è una specialità tipica della Sardegna. Il senso del suo nome dovrebbe derivare dalla sua consistenza, morbida anche se fritta. Questo piatto di antiche tradizioni sarde era un piatto povero, ma molto nutriente ed energetico, infatti è fatto di panna di pecora, miele e farina di grano.

4.56/5 (9) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/mazza-frissa/">Leggi il seguito

Costine di maiale con birra e senape (Spare Ribs) 5/5 (3)

Le costine di maiale, o spare ribs, sono una ricetta molto diffusa nell’Alto Adige. Di tradizione germanica, questa ricetta è entrata a far parte della cucina tradizionale tirolese proprio per la forte influenza austriaca molto presente nella tradizione e nella cultura tirolese.

5/5 (3) " href="https://www.granconsigliodellaforchetta.it/cucina-tipica/spare-ribs-costine-di-maiale/">Leggi il seguito