Salame nostrano bergamasco

salame nostrano bergamasco

Salame nostrano bergamasco

lombardia Origine: Lombardia

Il salame nostrano bergamasco o nella sua versione più piccola, il salamino nostrano bergamasco, è un particolare tipo di salame a produzione limitata ed artigianale prodotto esclusivamente in provincia di Bergamo. Questo salume vanta origini molto antiche e la sua peculiarità è legata in parte alla sua storia.

Infatti questo salame è fatto anche con parti e tagli pregiate del maiale, come il prosciutto. Infatti, data l’alta umidità della zona, non è mai stata possibile nella storia la produzione di prosciutti in zona e quindi questi tagli sono stati dedicati a questo particolare salume. Inoltre proprio per questo si sono sviluppati metodologie di produzione e stagionatura del salame che tengono conto di questi peculiari fattori climatici come l’umidità, che permette il protrarsi della maturazione di questo salume per lunghissimi periodi (9-11 mesi) durante la stagionatura. Tutto questo conferisce quindi a questo salume un gusto ed una qualità del tutto peculiari.

Salamino nostrano bergamasco

Dato il suo valore, veniva utilizzato nei diversi tagli (salame e salamino) come forma di pagamento al posto del denaro. Infatti nelle realtà contadine dell’epoca, il denaro in contante non ne circolava molto e si preferiva scambiarsi i prodotti agricoli come forme di pagamento. In maniera particolare questo salume, che era una vera e propria rarità. Il maiale veniva infatti macellato una volta all’anno Nella realtà contadina era una rarità, infatti, lo si produceva solo una volta all’anno quando si ammazzavano i maiali ingrassati per mesi e mesi; veniva poi custodito attaccato al soffitto, al fresco delle cantine, dove il budello posto a protezione dell’impasto si arricchiva di quelle muffe che da sempre rendono unico e squisito questo prodotto.

Per quanto riguarda la sua preparazione, il salame nostrano bergamasco fa uso di tutti i tagli del maiale, in particolare oggi si utilizza la parte magra proveniente dalla coscia, spalla e coppa e la parte grassa proveniente invece dal sottogola o panettone. Il tutto viene poi macinato ed impastato insieme a diversi aromi come pepe nero, vino rosso, spezie miste e aglio fresco pestato ed infuso nel vino. L’impasto viene infine insaccato in budelli naturali e poi legati con dello spago. I salami vengono poi posti a stagionare.

Dai il tuo voto